Che cos'è ed a cosa serve l'ortodonzia?

E' quella parte dell'odontoiatria che corregge le disfunzioni a carico dell'apparato masticatorio, i disallineamenti dentali e la sbagliata relazione tra i denti delle due arcate (malocclusione). In ortodonzia si utilizzano diversi tipi di apparecchi, alcuni che possono essere rimossi dal paziente, secondo le nostre disposizioni (ortodonzia mobile), ed altri che non possono essere applicati o rimossi se non dal dentista (ortodonzia fissa). L'ortodonzia serve quindi ad allineare correttamente i denti in modo che mastichino in maniera il più naturale possibile, con una forma delle arcate dentali consona alle funzioni masticatoria, estetica e del linguaggio ed a correggere i disturbi della crescita delle ossa mascellari e dei denti stessi.

Perchè ci si deve sottoporre a tanti esami prima di iniziare qualunque trattamento ortodontico?

La pianificazione del trattamento è un passo fondamentale per ridare al paziente una masticazione corretta. Innanzitutto è importante verificare esattamente i motivi di tale scorretta masticazione e che le condizioni dell'osso mascellare, mandibolare e delle radici dei denti siano in buone condizioni di salute, attraverso l'attento esame di tutta la bocca e non solo dei denti e delle radiografie. Dopo la presa delle impronte e l'effettuazione delle radiografie vengono ricavate una serie di misurazioni (tracciato cefalometrico) per poter valutare i rapporti scheletrici, tra i denti ed il profilo della faccia e tratte indicazioni per il trattamento. In sintesi prima di cominciare una terapia ortodontica sono fondamentali le impronte dentali e le radiografie specifiche per poter eseguire uno scrupoloso esame diagnostico ortodontico.

Si sente tanto parlare di ORTODONZIA INVISIBILE. Di cosa si tratta?

L'Ortodonzia Invisibile è una nuova metodica che prevede l'utilizzo di mascherine trasparenti al posto dei tradizionali dispositivi metallici tipici delle apparecchiature fisse. I vantaggi sono evidenti: non ci sono fili metallici o bande che creano fastidio o irritazioni nella bocca.  L'apparecchio si puo' togliere per dare la possibilita' durante il trattamento di passare il filo interdentale e lavare i denti normalmente per una buona igiene orale. Gli allineatori sono facili da pulire e cio' li rende piu' igienici. L'ortodonzia invisibile non è da considerarsi una filosofia di trattamento ma un'arma in più che la moderna ortodonzia ci mette a disposizione per offrire al paziente una terapia più adatta alle proprie esigenze.

Cos'è un apparecchio invisibile? 

L'apparecchio Invisibile è quindi una metodica ortodontica che utilizza allineatori sequenziali trasparenti in polimero medicale. Gli allineatori vengono progettati e costruiti attraverso un complesso sistema di ingegneria avanzata, computer guidata. Sono cosi' trasparenti da risultare invisibili. Nessuno sapra' che stai portando l'apparecchio, a meno che tu non glielo dica. Gli allineatori invisibili, fatti su misura sono piu' comodi di qualsiasi altro trattamento ortodontico.

Cos'è un apparecchio ortodontico fisso? 

Sono quegli apparecchi che possono essere applicati e rimossi solo dal dentista. Gli apparecchi ortodontici fissi sono ingrado di spostare i denti in minor tempo ed anche per grandi distanze, in ogni direzione, con ogni tipo di movimento, con forze maggiori, su elementi dentali e parti scheletriche definitivamente formati. Vengono incollati e cementati sui denti, rimanendovi 24 or su 24 per tutta la durata del trattamento.

Cos'è un apparecchio ortodontico mobile? 

Gli apparecchi ortodontici mobili sono quei dispositivi che possono essere rimossi dal paziente. In generale possiamo dire che gli apparecchi ortodontici mobili servono a correggere malocclusioni che non richiedono l'applicazione di particolari forze e che queste forze non devono essere applicate costantemente 24 ore su 24. Agiscono essenzialmente determinando forze inferiori rispetto agli apparecchi fissi e per movimenti che coprono distanze più piccole. Sono utilizzati prima che si completi lo sviluppo corporeo. Esistono apparecchi mobili che agiscono solo sugli elementi dentali ed altri che agiscono invece sia sui denti che sulla crescita scheletrica con un vero e proprio effetto ortodontico e ortopedico. Questo tipo di terapia in alcuni casi è da considerarsi come una fase preparatoria alla terapia ortodontica fissa, infatti una terapia mobile facilita notevolmente una  fase successiva.

Mantenitore di spazio

La perdita precoce di uno o più denti  causa la chiusura dello spazio dove si trovava e, se il dente definitivo sottostante è destinato a nascere dopo (intendiamo almeno alcuni mesi), quest'ultimo non potrà nascere. Pertanto risulta fondamentale mantenere lo spazio, soprattutto in determinati momenti. Il mantenitore di spazio è di piccole dimensioni ,confortevole (praticamente il bambino non si accorge di portarlo), non richiede la sua collaborazione e deve essere montato e smontato dal clinico. I controlli vengono eseguiti ogni sei mesi finché non nasce il dente definitivo che sta sotto.